Mercoledì 24 Aprile 2019

Global Personal Partner: nuovo direttore regionale

Raphael Schmid.png

All’inizio dell’anno Raphael Schmid è stato nominato direttore commerciale di Global Personal Partner (GPP) per la regione di Zurigo e la Svizzera orientale. La sua missione: proseguire lo sviluppo delle attività del gruppo in questa zona in pieno boom, in cui sono insediate sette delle diciotto agenzie GPP ormai sotto la sua responsabilità, oltre alle due Business Unit rispettivamente dedicate ai quadri (Global Kader Personal) e al settore medico (Global Medical).

Rapahel Schmid, lei è il nuovo direttore commerciale di GPP per Zurigo e la Svizzera orientale. Che bilancio stila dei suoi primi 100 giorni?

Innanzitutto sono felice di aver integrato i ranghi di GPP, le cui attività hanno continuato a svilupparsi nel corso del primo trimestre e che tramite Interiman Group dispone di una rete di succursali che la rendono particolarmente competitiva. A titolo personale, mi rallegra anche l’idea di poter contribuire alla crescita del gruppo. Nella regione di cui sono responsabile abbiamo un triplice obiettivo: in primis, rafforzare i nostri team, specie nella Svizzera orientale; secondo, consolidare e ottimizzare le strutture esistenti; terzo, incrementare il nostro portafoglio clienti e avvicinarci ancora di più ai nostri partner, e questo sia per quanto riguarda le imprese che per i candidati. In questa prospettiva posso contare sul know-how e gli strumenti che GPP ha sviluppato fin dal 1997, oltre che sulle competenze e la professionalità di 25 collaboratori impegnati nelle sette succursali e nelle due Business Unit posti sotto la mia supervisione.

Quali sono le sue carte vincenti nella posizione che occupa?

È sempre un po’ difficile parlarne in prima persona, ma direi che ho un’autentica passione per la vendita in generale, e per il contatto con la clientela in particolare. In tutta la mia vita professionale ho avuto modo di far visita a più di 12.000 imprese, e questi incontri mi hanno permesso di capire una cosa: che attraverso la vendita vivo la mia vita e il mio sviluppo personale; per me è come una seconda natura. D’altra parte direi che questa inclinazione per i contatti personali va a braccetto con uno spiccato interesse per la costituzione e la gestione di strutture adattate a un gruppo della nostra levatura.

Sono aspetti legati alla sua formazione?

Senza dubbio. Dopo aver frequentato la scuola svizzera a São Paulo, in Brasile, nel 2002 sono entrato all’Università di St-Gall dove ho studiato economia. In seguito sono stato socio di un’agenzia di marketing le cui attività erano centrate soprattutto sul golf, e con cui ho lavorato negli ultimi dieci anni. Questa esperienza ha avuto una forte valenza formativa, nel senso che abbiamo iniziato come start-up nel 2009 e siamo arrivati a portare l’agenzia al livello di operatore di spicco nei mercati svizzero, tedesco e austriaco.

Come ha iniziato la sua carriera in GPP?

Per diversi anni GPP è stata una cliente importante dell’agenzia in questione. Nel momento in cui ho sentito di volermi mettere alla prova in una nuova sfida, mi sono ricordato degli inviti velati che negli anni avevo ricevuto da Roman Cornu, fondatore di GPP, in diverse occasioni; per cui quando è stato il momento di dare una nuova direzione alla mia carriera professionale non ho avuto esitazioni.

Quali sono i vostri obiettivi da adesso alla fine dell’anno?

Il primo ovviamente è quello di rinforzare la nostra presenza nella Svizzera orientale, in particolare tramite il reclutamento di nuovi consulenti specializzati in segmenti quali tecnica, industria, costruzione, terziario, IT, oltre che nel collocamento di quadri o dirigenti, categorie per le quali al momento nella regione si registrano circa 10.000 posizioni aperte. Il secondo è posizionarci in modo più forte in relazione alle PMI, che sono convinto racchiudano un enorme potenziale di crescita.

Come descriverebbe la situazione economica nella Svizzera tedesca?

Rallegrante, come quella di tutta la Svizzera in generale. Nel corso dell’anno passato il gruppo ha registrato un giro d’affari record sull’insieme del territorio, mettendo a segno una performance superiore a quella del mercato. Inoltre, con un totale di oltre 78.000 posizioni aperte in Svizzera, ci sono moltissime possibilità per la nostra insegna, che ambisce a proseguire il suo sviluppo e a rafforzare la sua posizione sul mercato.

#Arobase